Autore Topic: Gestire frammentazione su partizione dati condivisa  (Letto 1141 volte)

Offline DottorGab

  • *
  • Post: 236
  • Reputazione: -31
    • Mostra profilo
Gestire frammentazione su partizione dati condivisa
« il: 24 Luglio 2013 ore 23:08 »
Vado al dunque: dual boot con windows 7 con partizione NFTS condivisa. Accedendo da windows ultimamente, dovendo fargli le solito operazioni di manutenzione, W. mi segnale che la partizione Dati, quindi quella condivisa, è molto frammentata e che richiede una deframmentazione.
Le mie domande:
1) Quanto danneggia la salute del mio hard disk avere questa partizione condivisa?
2) Come si relaziona Linux con la frammentazione dei file, soprattutto su partizioni NFTS?
3) Mi conviene fare la deframmentazione? ( Da circa il 20% che su 200 GB è relativanente poco dato che fino ad ora ne ho utilizzati solo 70)
3.1) Se sì, da windows o da linux?
3.1.1) Se da Linux, come si fa?
4) OT, ext4 è giunta al pensionamento, ovviamente con i dovuti tempi, data l'uscita del nuovo kernel che porta la stabilità di quel nuovo file system tanto apprezzato da fedora e in rete? Ext4 è ancora il "miglior" file system?
« Ultima modifica: 25 Luglio 2013 ore 13:14 da FranzMari »

Offline Cylon

  • *
  • Post: 1960
  • Reputazione: 78
  • CYbernetic Life fOrm Node
    • Mostra profilo
Re:Gestire frammentazione su partizione dati condivisa
« Risposta #1 il: 24 Luglio 2013 ore 23:19 »
1. non viene danneggiato niente.
2. in che senso? e chiaro che se ci metti file, da qualsiasi sistema tu li metta, la frammentazione ci sarù sempre.
3. falla, ovviamente se quei file non sono file di grandi dimensione tipo iso o film o dvd.
3.1 il file sistem ntfs è un fs proprietario, a cui GNU/Linux può accedere in lettura e in scrittura grazie ad un reverse engeneering, quindi, ovviamente la defframmentazione la devi gestire dall'unico sistema operativo per cui è stata creta e pensata.
3.1.1. vedi punto 3.1, non si fà.
4. ma chi lo dice che ext4 è giunto al pensionamento? ext4 verrà usato ancora per diverso tempo, con all'incirca gli stessi tempi di passaggio da ext3 a ext4..il btrf sarà il futuro, ma non imminente o prossimo, magari tra un'anneto forse.... il miglior file system non esiste.
We are the Cylons. Lower your firewalll and surrender.Your PC will adapt to service our GNU/Linux systems. Resistance is futile. Extermination of human race has began!
                                                                     Non rispondo a PM

Offline DottorGab

  • *
  • Post: 236
  • Reputazione: -31
    • Mostra profilo
Re:Gestire frammentazione su partizione dati condivisa
« Risposta #2 il: 25 Luglio 2013 ore 08:52 »
Il fatto che avessi messo le "" al miglior era ovvio che mi riferissi al fatto che non ci sia uno migliori di altri, era più una domanda per sapere se a livello di funzionalità btrf sorpassasse ext4. Il fatto del pensionamento, credo che il progresso lo farà andare in pensione prima o poi, mi domandavo se era in un futuro prossimo.

2)Mi riferisco a come è gestito ext4, a quanta frammentazione crea.

In coclusione non ci sono rischi nel fare una deframmentazione da windows su file che condivide anche linux

Offline Cylon

  • *
  • Post: 1960
  • Reputazione: 78
  • CYbernetic Life fOrm Node
    • Mostra profilo
Re:Gestire frammentazione su partizione dati condivisa
« Risposta #3 il: 25 Luglio 2013 ore 09:03 »
ext4 non crea molta frammentazione, ho arch installato da quasi 3 anni su un poratile e la frammentazione è circa dello 0.6%...
We are the Cylons. Lower your firewalll and surrender.Your PC will adapt to service our GNU/Linux systems. Resistance is futile. Extermination of human race has began!
                                                                     Non rispondo a PM

Offline DottorGab

  • *
  • Post: 236
  • Reputazione: -31
    • Mostra profilo
Re:Gestire frammentazione su partizione dati condivisa
« Risposta #4 il: 25 Luglio 2013 ore 09:40 »
Ok grazie risolto quindi

Offline dinolib

  • *
  • Post: 3226
  • Reputazione: 110
    • Mostra profilo
Re:[Risolto] Gestire frammentazione su partizione dati condivisa
« Risposta #5 il: 25 Luglio 2013 ore 11:09 »
(* nota culturale spero non inutile *)

La frammentazione dei file system è dovuta all'algoritmo di allocazione utilizzato (tipo: questo file dove lo scrivo? riempio il più piccolo spazio libero disponibile? lo scrivo sul primo che trovo?lo metto nel più capiente che c'è?).
Essendo che questi algoritmi sono peculiari di ogni file system accade che alcuni sono moolto propensi alla frammentazione (vedi win) ed altri quasi niente (vedi ext4). Alcuni f.s. deframmentano in autonomia, altri richiedono l'intervento dell'utente.
Domanda: perchè scegliere un fs che frammenta i files? Perchè i babbuini degli sviluppatori hanno pensato che è meglio un algoritmo semplice e che sia più veloce in scrittura anche se ogni tanto va defragmentato. Peccato che per defragmentare serve anche un bel po' di spazio libero.

Ultima cosa: i dischi si frammentano quando si modificano/eliminano e successivamente aggiungono nuovi file.

 

Template by Homey | Sito ufficiale | Disclaimer