Autore Topic: Vellerofonte Anthology: L'epopea dell'installazione  (Letto 652 volte)

Offline vellerofonte

  • *
  • Post: 1374
  • Reputazione: 58
  • #Chakra: Kde for life
    • Mostra profilo
Vellerofonte Anthology: L'epopea dell'installazione
« il: 19 Aprile 2014 ore 14:52 »
Ci sono eventi che si susseguono talvolta a causa dell'essenza niubbia degli utilizzatori, altre volte sono proprio gli strumenti che utilizziamo a deficitare, ma non è questo il "kernel" della questione.

Di fatto quello che segue è il resoconto di una personale esperienza, scritta solo per il piacere di condividerla al bar,  il racconto di eventi probabilmente aggirabili o elegantemente evitabili...ma forse sapendo che il tutto si svolge sino alle 4:20 del mattino, il lettore potrà concedere qualche svarione.


Quando si lavora in realtà non troppo grandi, è facile doversi accollare compiti che esulano  dalle responsabilità strettamente da contratto. Nel mio caso, causa sostituzione di HD meccanico della workstation portatile (Dell Precision M6700) con SSD, mi sono sciroppato l'installazione di Windows7, ma in fondo l'ho presa come un gioco, un modo per mantenermi in allenamento e poi.....si dice che Windows sia molto più semplice di Gnu/Linux......si dice...

Operazione #1: tentativo di clonazione del disco meccanico

Lo so lo so, non è il lavoro più pulito del mondo, ma in 15 minuti mi sarei risparmiato un'intera reinstallazione e riconfigurazione del sistema, che in giorni frenetici come questi in cui si lotta per strappare 10 minuti di tempo alla giornata che scappa, non fa male.

Quattro tentativi filati, cercando di dare in pasto al software Samsung la partizione nelle condizioni migliori possibili, disabilitando tutto compreso antivirus....nulla, devo rassegnarmi, si reinstalla...

Operazione #2: installazione....hardware

Parlerei volentieri con gli ingegneri Dell.....possibile che nel 2014 sostituie un HD sia pari al riparare un rolex automatico? ......bah...

Operazione #3: installazione.....software

DVD  inserito nel drive alla vecchia maniera, ricordo che qualche mese fa provai ad informarmi sulle modalità per ottenere una flash drive avviabile con Windows 7, non so se le cose sono cambiate ma allora mi sembrò qualcosa di molto più complesso che eseguire un'installazione di Arch da remoto su un terminale situato sulla faccia oscura della luna con IP variabile ogni 15 secondi, secondo la serie di Fibonacci.

Si comincia col partizionamento, tutto molto semplice a parte il fatto che non riesco a gestire nulla se non lo spazio da dedicare a ciascuna partizione, avrei voluto utilizzare la tabella di partizionamento GPT....qualcuno potrà suggerire che avrei potuto semplicemente partizionare prima il disco con Gparted ma Windows è un animaletto strano, ho preferito fare tutto con quanto messo a disposizione nativamente.

L'installazione procede liscia, si arriva al triste ehm...allo scarno desktop di default naturalmente con la risoluzione sbagliata per l'utente medio con capacità visive nella norma, e sorpresa delle sorprese, scheda di rete non riconosciuta....

La cosa non è poi così drammatica, forse solo assurda ma preferisco glissare sul fatto che un sistema operativo in giro da secoli non integri i normalissimi driver di una banalissima scheda di rete, l'unica interfaccia tra il terminale ed il mondo esterno.....glissiamo felici, il caffè è ancora caldo.

Naturalmente è una settimana che preparo l'installazione mettendo insieme nei ritagli di tempo tutti i driver della workstation e tutte le utility che mi serviranno, bè questa non è colpa di Microsoft.....o forse sì....forse avere dei comodi repository da cui scaricare il software senza aggirarsi nei meandri della rete può sembrare ancora un azzardo nel finestroso ed estroso mondo closed source, anche se pare che l'ottava incarnazione di Bill stia rimediando...ma questa è un'altra storia...forse ancora più tragica...

Mi porto felicemente nella cartellina ove ho sapientemente raccolto tutti i driver della workstation, installo tutto l'installabile tanto male non può fare, il tutto è progettato per l'utente medio  meno meno: avvia>setup>next>next>next>fatto,  ripetuto 20 volte....perfetto.

Operazione #4: ottimizzazione

Già perchè ho appena installato un sistema Windows su un SSD, operazione che prima non avevo mai fatto mentre con Gnu/Linux sarebbero oramai arcinote le procedure da seguire, non saprei come comportarmi con finestresette, decido di installare il software di gestione di Samsung, "Magician" già il nome richiama un mondo etereo, del resto l'utente deve essere inconsapevolmente convinto sin dal nome che tutto accade per "magia" ....

Il software è ben fatto non c'è che dire, attira la mia attenzione un particolare parametro: AHCI non attiva...ok ma .....di che si tratta?

Due colpi di Google e scopro che (come tutti saprete naturalmente a parte il sottoscritto), si tratta di un meccanismo hardware che consente alle periferiche SATA (guarda caso l'interfaccia dell'SSD) di essere sfruttate al massimo in termini di prestazioni....

Ok...come la attivo?

Altri due colpi di Google e scopro che la modifica è attuabile da Bios ma...non finisco di leggere, riavvio > F2 >Bios > AHCI attivo > schermata blu

....... mai colore peggiore invase un display di un notebook....

mi appunto che dopo aver discusso con gli ingegneri Dell riguardo allo smontaggio modalità Ikea dovrò parlare con i designer microsoft per aggiustare la palette dei colori...

Riavvio > F2 > Bios > AHCI disattivo > riavvio > desktop ..... wow ....

Torno al fido Google che oramai si sarà impossessato di ogni mio movimento anche grazie al Nexus che gli racconta pure cosa trangugio a colazione prima di catapultarmi in auto per andare al lavoro, e riprendendo diligentemente la lettura dalla riga in cui l'avevo interrotta scopro che devo apportare una modifica al registro di sistema prima di attivare AHCI, benissimo...

Quanti ricordi, notti insonni passate ad esplorare ogni meandro del registro per cancellare tracce di applicazioni disinstallate sperando di recuperare mezza frazione di secondo all'avvio....tempi in cui systemd era un miraggio ma il passato è passsato, mi porto al percorso indicato dalla guida, faccio la macumba e riavvio:

F2 >Bios > AHCI attivo > schermata blu...ANCORA?!!!!

Quanto accaduto successivamente si risolve con uno schema del tipo:

... riavvio > F2 > Bios > AHCI disattivo > riavvio > desktop  > google > soluzione posticcia > caffè > riavvio > F2 >Bios > AHCI attivo > schermata blu > ...

il tutto per 'n' volte, il lettore mi perdoni ma ho perso il conto....

Alla fine resta solo e soltanto una soluzione, perchè avendo installato un SSD proprio per avere il massimo boost prestazionale non posso e non voglio permettermi di non sfruttarlo al massimo delle potenzialità...

Operazione #5: reinstallazione....software

Tutto da capo, reinstallo il sistema come un perfetto niubbo dopo aver questa volta attivato precedentemente la modalità AHCI, riapprodo al desktop sfinito e sapendo che in realtà il bello deve ancora cominciare...

Operazione #6: aggiornamento

Windows Update mi informa che ci sono 159 aggiornamenti....ok amico mio procedi pure...

passano qualcosa come due ore con il PC impegnato in un loop continuo del tipo

...download N aggiornamenti >> installazione di n < N aggiornamenti >> riavvio ...
 
In questo caso il conto l'ho perso semplicemente perchè di mezzo c'è stata una dormita....

Dopo svariate ore quindi, il sistema è 'UP', aggiornato e configurato per sfruttare in maniera ottimale l'hardware a disposizione, posso ritenermi soddisfatto ma ..... che nessuno si azzardi a dire che Windows è più semplice di Gnu/Linux.

....giusto per la cronaca....ho ancora 37 aggiornamenti disponibili.....mi arrendo....

Offline Cylon

  • *
  • Post: 1960
  • Reputazione: 78
  • CYbernetic Life fOrm Node
    • Mostra profilo
Re:Vellerofonte Anthology: L'epopea dell'installazione
« Risposta #1 il: 19 Aprile 2014 ore 15:05 »
mi sono fermato al punto 3 ....  ;D ;D ;D
We are the Cylons. Lower your firewalll and surrender.Your PC will adapt to service our GNU/Linux systems. Resistance is futile. Extermination of human race has began!
                                                                     Non rispondo a PM

Offline dinolib

  • *
  • Post: 3226
  • Reputazione: 110
    • Mostra profilo
Re:Vellerofonte Anthology: L'epopea dell'installazione
« Risposta #2 il: 19 Aprile 2014 ore 15:40 »
eh sì. Non c'è limite al peggio.
Per cronaca: l'aggiornamento di win8 iniziato alle 6.30, interrotto alle 9.30 e ripreso un'ora fa è arrivato al punto di poter finalmente installare 8.1. Ce la farò? Incrociamo le dita.
Certo se avessero messo almeno un messaggio acustico avrei evitato di fare avanti e indietro 20 volte dal divano (sono attaccato al cavo di rete e non posso portaarlo in giro).

EDIT: se a Vellerofonte non dispiace proseguo qui la mia epopea con win8.
Dopo l'ennesimo riavvio (ma perchè sta 10 minuti sul 100%? Gli avanzamenti non funzionano proprio) finalmente sto scaricando win8.1. Dai, solo 3,2 GB. Solo per partire il download ci sono voluti 5minuti. Non chiedetemi a fare che, ma l'applicazione sembrava bloccata. C'era un trenino di puntini che faceva sinistra-destra sul bordo superiore dello schermo.
Fin'ora cosa mi è piaciuto di win8: gestione attività è migliorato notevolmente. E' come lo vorrei su KDE. Per ogni processo si vedono chiaramente l'occupazione di memoria-disco-rete-procio. Fornisce statistiche sull'uso delle app e una versione ultra semplificata di systemd-analyze per i tempi di avvio al boot. E finalmente si può vedere cosa contengono i malloppazzi dei servizi host (praticamente i servizi di win che vengono accorpati non so perchè in blob. Ho lavorato per 2 anni su server windows e su 'sti oggetti COM+ ci impazzivamo). Vabbè, si è capito questa cosa (per ora l'unica) mi è piaciuta  ;D.

EDIT: Ore 19.11 terminato l'aggiornamento a Win8.1. Essendo domani Pasqua tutti i santini mi sono stati vicini e sembra sia andato tutto bene. Sto installando i driver nvidia 335 perchè i 331 preinstallati non si aggiornavano da sè  :-\
Ah. Volevo fare un backup del sistema. EFI+Win = 37GB. Magari anche no. Per il momento.
Sembra che dopo tutti questi aggiornamenti il driver della scheda wifi si siano sistemati.
« Ultima modifica: 19 Aprile 2014 ore 19:13 da dinolib »

Offline Stardust_95

  • *
  • Post: 349
  • Reputazione: 2
    • Mostra profilo
Re:Vellerofonte Anthology: L'epopea dell'installazione
« Risposta #3 il: 20 Aprile 2014 ore 10:51 »
Vellero, sei indietro, gli ingegneri HP sono molto più avanti, pensa che Winzozz non si installa neppure da me con il disco originale, errore nella configurazione e l'installazione salta, chakra di contro non mi ha mai dato un problema ;D
Utilizzo Chakra sin dal 2011, ma sono ancora nabbo XD

 

Template by Homey | Sito ufficiale | Disclaimer