Autore Topic: Topic OT  (Letto 596994 volte)

TheImmortalPhoenix

Re:Topic OT
« Risposta #1065 il: 09 Dicembre 2012 ore 16:13 »
http://youmedia.fanpage.it/video/UMScTeSwmXh9TBDc

Pecoroni leccaculo senza palle che applaudono -.-

Offline Masque

  • *
  • Post: 723
  • Reputazione: 60
    • Mostra profilo
Re:Topic OT
« Risposta #1066 il: 09 Dicembre 2012 ore 16:39 »
Insisito con questa vignetta che contiene grandi verità:
"The people don't know their true power"

Comunque, ora tornerà in gioco Berlusconi. Personaggio da cartone animato molto più semplice, per la gente, da giudicare "a panza". Tutt'altra storia rispetto a questi "tecnici" che ci stordiscono con argomenti complicatissimi. Lui, basta sentirlo parlare per cinque minuti per decidere se ci è nemico o amico.
È tornata la primavera. Rallegriamoci. Il Fatto Quotidiano riprenderà a fare grandi tirature, idem Repubblica. Sarà più semplice discutere di politica, dato che sarà praticamente indistinguibile dal discutere di qualsiasi fiction. Ed in effetti, come nelle fiction, il potere che si ha è lo stesso di quello del pubblico, cioè limitato al commentare ed al cambiare canale. Poco importa che i palinsesti siano sempre gli stessi e che sia il mezzo che veicola la fiction ad impedire l'interazione, non quella particolare fiction in sé.
« Ultima modifica: 09 Dicembre 2012 ore 18:17 da Masque »

Offline Masque

  • *
  • Post: 723
  • Reputazione: 60
    • Mostra profilo
Re:Topic OT
« Risposta #1067 il: 09 Dicembre 2012 ore 18:21 »
(Nota per i maniaci di elinks e browser simili - cioè due persone: Con le impostazioni di default, le immagini che non hanno un tag "alt" non vengono visualizzate. In phpbb, basta aggiungere alt=testo all'interno del tag img (prima della prima "]").)

TheImmortalPhoenix

Re:Topic OT
« Risposta #1068 il: 09 Dicembre 2012 ore 20:19 »
Ahahahaha stupenda l'introduzione  ;D Grazie per la dritta, comunque io le visualizzo tutte con feh tramite la combinazione Alt-O che ho impostato
« Ultima modifica: 09 Dicembre 2012 ore 20:22 da TheImmortalPhoenix »

Offline Hombremaledicto

  • *
  • Post: 520
  • Reputazione: 40
  • Ma chi ti si incula
    • Mostra profilo
    • Hombre on DA
Re:Topic OT
« Risposta #1069 il: 09 Dicembre 2012 ore 20:28 »
http://youmedia.fanpage.it/video/UMScTeSwmXh9TBDc

Pecoroni leccaculo senza palle che applaudono -.-

Giusto ieri rispondevo ad un commento su "grazie di tutto Monti, ci mancherai"  >:(

(Ci ho scritto un solfone unico di replica, se qualcuno gradisce una cura alla stitichezza, lo posto per intero).

Ma si può?

Io comunque resto pessimista, l'agenda di questo governo dubito fortemente sarà messa in dubbio da chiunque seguirà, anche se lo spero.
Francamente, sul panorama politico del paese è meglio non parlare.... :(
Keep it rolling, baby...

Offline Masque

  • *
  • Post: 723
  • Reputazione: 60
    • Mostra profilo
Re:Topic OT
« Risposta #1070 il: 09 Dicembre 2012 ore 20:44 »
Io comunque resto pessimista, l'agenda di questo governo dubito fortemente sarà messa in dubbio da chiunque seguirà, anche se lo spero.
Francamente, sul panorama politico del paese è meglio non parlare.... :(

Basti pensare che le manovre varie sono potute passare solo perché votate a maggioranza.
Comunque, sarà divertente, ora, vedere chi si propaganderà come salvatore del paese togliendo tasse e manovre che giusto un mese prima aveva votato... e la gente a cascarci con entrambi i piedi. :lol:

Offline Hombremaledicto

  • *
  • Post: 520
  • Reputazione: 40
  • Ma chi ti si incula
    • Mostra profilo
    • Hombre on DA
Re:Topic OT
« Risposta #1071 il: 09 Dicembre 2012 ore 20:49 »
Basti pensare che le manovre varie sono potute passare solo perché votate a maggioranza.
Comunque, sarà divertente, ora, vedere chi si propaganderà come salvatore del paese togliendo tasse e manovre che giusto un mese prima aveva votato... e la gente a cascarci con entrambi i piedi. :lol:

Mah, un classico della commedia italiana  ::)

Dopo il nano hardcore chi camminerà sulle acque? Sarà il prode Bersani che va d'amore e d'accordo con la finanza? Oppure il vecchio B. risorgerà dalla tomba per la gioia degli apostoli (Alfano, e compagnia bella) per tornare in cielo?

Va a capire...questa storia delle dimissioni di Monti ha comunque suscitato speculazioni sul web su chi davvero ci guadagna (Berlusconi? PD ? Lobbies europee? Pincopallino? ) ma la chiccha perfetta è:

Monti se n'è andato come è venuto: dopo un colloquio a porte chiuse con Napolitano.
Alla faccia della democrazia...


Dopo i miei cazziatoni sulla politica economica mi mancherà farmi dare del complottista da gente che vede gli UFO.


Comunque, non credo che si invertità la rotta, nemmeno per fini populisti...temo anzi che dopo grandi balle cacciate in clima di elezioni si continuerà per questa strada: una sinistra sempre più sinistra(inteso come " è una faccenda sinistra questa") e una destra sempre più incline a xenofobia/populismo/beghe giudiziarie.
« Ultima modifica: 09 Dicembre 2012 ore 20:54 da Hombremaledicto »
Keep it rolling, baby...

TheImmortalPhoenix

Re:Topic OT
« Risposta #1072 il: 09 Dicembre 2012 ore 20:56 »
Posta il cazziatone hombre, voglio leggerlo ;D

Offline Hombremaledicto

  • *
  • Post: 520
  • Reputazione: 40
  • Ma chi ti si incula
    • Mostra profilo
    • Hombre on DA
Re:Topic OT
« Risposta #1073 il: 09 Dicembre 2012 ore 21:02 »
Posta il cazziatone hombre, voglio leggerlo ;D

LOL, ok premetto è cosa luuuuuuuuuunga! Richiederà minimo due o tre post secondo le mie stime- ecco qui:
Citazione
Mio dio, vado a vomitare....
Il piano economico, aka austerità, shock therapy o  "Washington consensus" non conduce ad altro che alla perdità dei diritti sul lavoro, e alla privatizzazione delle aziende di stato e servizi pubblici (business estremamente redditizio, peccato i casi storici dimostrano che i benefici sono unicamente per i rentiers, mai per cittadini).
E' vero: stato, sindacati, ecc..sono guidati da persone che fanno i loro interessi, corrotti...ma questo (rappresentato da Monti) è il peggio. Premetto: non sono contro l'Europa, ma contro l'UE ( poco democratica, ed improntata solo su accordi economici truffaldini) e non mi è mai piaciuto Berlusconi.
Oltretutto, Monti ha fatto gli interessi della Germania, e soprattutto dei mercati. E semmai è sempre lui che rappresenta gruppi di potere - mafiette varie sono caccole in confronto ai fondi d'investimento, banche, ecc...

Ma seriamente?
Cavolo, io rispetto le idee politiche, anche diverse dalle mie(e questo commento non vuole offenderti in alcun modo), ma qui è come ringraziare un ladro che ti svaligia la casa, e ti terrorizza puntandoti armi addosso.
Questa non è politica, e non è economia. E' neoliberismo. Una scuola di pensiero criminale ed estremamente pericolosa.

Non parlo a titolo di idee politiche o partiti. Attualmente in Italia non credo ci sia nessun gruppo credibile che possa contrastare quanto è accaduto, e quanto avverrà ancora. Basta vedere il maggiore partito di sinistra - il PD - che batte la stessa strada di questo signore qua sopra: teorie economiche di estrema destra, impoverimento generale, privatizzazioni massiccie....

La metafora del dottore piace molto ai neoliberisti, credo che il primo ad usarla fu Jeffrey Sachs quando distrusse la Bolivia, già in crisi. La cura è sempre la stessa: austerità, privatizzazioni. Negli anni '70 la sperimentavano in Sud America grazie a dittature militari, negli anni '90 hanno approfittato del crollo dell'URSS per applicare la "cura" in Russia (risultato? Gli oligarchi, che si comprarono il paese a pochi soldi). Minarono il futuro del Sudafrica, che finalmente aveva un leader nativo (Mandela, in merito leggiti Desmond Tutu, del comitato di riconciliazione). In occidente è iniziata con Reagan e la Thatcher. Ma anche Friedman, quando curò la Cina (guarda caso il picco delle riforme di Deng Xiao Ping fu in concomitanza con le proteste di piazza Tienanmen)...ce ne sono una serie di esempi, tutti fallimenti.

Prossimamente: zone d'esportazione franca in Grecia, e magari anche in Italia, per la gioia dei bambini.

E' seguita una serie di commenti, tra cui una persona che mi ha chiesto delucidazioni, nel caso parlassi dall'altare del saputello prendendo gli altri per fessi. Posto di seguito.
Keep it rolling, baby...

Offline Hombremaledicto

  • *
  • Post: 520
  • Reputazione: 40
  • Ma chi ti si incula
    • Mostra profilo
    • Hombre on DA
Re:Topic OT
« Risposta #1074 il: 09 Dicembre 2012 ore 21:03 »
Dici a me?
Guarda, per me è semplicemente questo: da decenni la scuola economica in voga negli ambienti governativi è il neoliberismo (corrente estrema del capitalismo). Negli ambienti accademici è invece la scuola di Keynes (l'economista inglese architetto del new deal). Negli anni d'oro d'Italia, USA, ecc.. erano adottate le teorie Keynesiane: stimolazione della domanda attraverso piani di spesa a deficit, protezionismo economico, e mercati regolamentati.
Con l'avvento del neoliberismo si cominciò a sbandierare il pericolo dell' "iperinflazione" e del debito pubblico (che non divenne effettivamente una minaccia finchè non avvenne il Volcker shock, gonfiando i tassi d'interesse - cosa che vediamo anche oggi, e che fu la causa  dell'impossibile debito del terzo mondo).
Il neoliberismo crede nel "libero mercato", o dottrina del laissez faire: i mercati, se deregolamentati, troveranno da soli l'equilibrio. Non è mai successo (e in merito la crisi delle tigri asiatiche del '98 è un esempio lampante), anzi si sono creati dei cartelli veri e propri di potentissimi conglomerati finanziari.
Tutto col pretesto dell'inflazione(in merito la BCE ha l'unica regola di contentere l'inflazione al 2%)... inoltre il neoliberismo vede nella spesa a deficit un pericolo, e quindi prevede il controllo dell'emissione di moneta(suggerendo di privatizzare le banche centrali per giunta) e riduzione della spesa pubblica(Monti ha introdotto il pareggio di bilancio obbligatorio: tassi 100 e prelevi 100, senza creare ricchezza reale misura il cui scopo è giungere alle privatizzazioni).
 Ma più verosimilmente, ha sempre spinto per la privatizzazione del settore pubblico, adottando una forma di stato minimo.

Quello che noi chiamiamo "Globalizzazione" è l'abbattimento delle barriere doganali (quindi entri in competizione con realtà economiche distanti...tipo la Cina) il che deprime la produzione interna dei paesi(e quindi l'economia) che ne è la vera ricchezza. Se poi si adottano tassi di cambio fisso o monete trasnazionali si forma la situazione dell' UE:  impossibilità di svalutazioni competitive per mantenere alte le esportazioni (conseguente chiusura o dislocamento di fabbriche), grossi profitti per gli speculatori, che non soffrono più perdite dalle svalutazioni citate sopra. Inoltre, come già detto si abbatte la produzione per mercato interno ed esportazioni, aumentando le importazioni (de facto, il debito estero), ed il debito privato delle famiglie, grazie ai "crediti bancari".
Tutto questo forza la situazione di misure d'austerità, tagli alla spesa pubblica, e compressione dei salari (in sintesi,  l'austerità E' LA CRISI).

Ma tutto questo sembra stonare con quanto dicono i media vero? Il fatto è che i gruppi mediatici privati sono un anello della catena dei gruppi finanziari sopra citati....Monti è finito sul Times (succede sempre in ambito di Shock Therapy sembra) come Pinochet quando sperimentò per primo queste teorie, sulla pelle dei Cileni. Gli USA lodano un'economia neoliberista(ma difatti, come credi che le multinazionali nate in America siano diventate così potenti? Deregolamentazione, concessioni, ecc...i politici USA vengono da queste aziende, ci tornarno, o sono coprati e finanziati dalle stesse già durante le elezioni) tanto che questa retorica è diventata prescrivibile col Washington Consensus.
E' una storia lunga se vuoi ulteriori dettagli ti rispondo con un ennessimo commento.

In sintesi:

 l'UE è un impianto strettamente economico, di matrice neoliberista. Quando ben 2 referendum bocciarono la costituzione europea fu riproposta poco dopo come Trattato di Lisbona, un illeggibile ammasso di 25000 pagine colmo di concessioni a corporations.  Oggi le sinistre europee hanno adottato questo impianto di pensiero (il che è l'esatto opposto di "sinistra",  tecnicamente), così i partiti di destra.

Monti proviene dal mondo finanziario (advisor di Goldman Sachs, ha lavorato per la Coca Cola, ecc...), e membro della commissione trilaterale (lobby  per gli interessi delle multinazionali americane che unisce USA-UE-Giappone). Sebbene sia solo un'agente materiale che agisce per interessi di una varietà di gruppi finanziari.

Oggi la quasi totalità delle merci è prodotta in Cina, in zone d'esportazione franche, famose aree di produzione dove vigono accordi speciali tra stato e multinazionali. Gran parte dei dipendenti sono giovani donne dalle campagne, con stipendi sufficenti a campare alla giornata, per non citare la "sospensione" dei diritti umani.
Gli stati che si ribellano/si sono ribellati subiscono o sono minacciati di subire il capital floating(visto che allo stato viene impedito di finanziare la produzione, questa dipende da investimenti privati e spesso dall'estero, gli azionisti sventolano lo spauracchio di spostare il capitale altrove, in caso di slanci di dignità da parte dei governi...l'ormai familiare spread è assimilabile al capital floating).
Le aziende europee e statunitensi hanno adottato il modello Nike, dislocando la produzione ad appaltatori esteri, preferibilmente paesi del terzo mondo (la vera ricchezza di un paese è la sua produzione, toglila e deprimi la domanda, crei autentico indebitamento, e disoccupazione alta). Naturalmente il profitto dove sarebbe? I bassi costi dell'operazione hanno fatto levitare gli stipendi dei manager, ecco dov'è...

Con Shock Therapy ci si riferisce in economia ai cambiamenti radicali adottati da governi tecnici o d'emergenza(ma ci sono altri casi, come l'Iraq durante l'invasione americana) e dittature. Si installa un clima di panico, si forza i governi a seguire "le ricette", o si sostituiscono con esecutivi tecnici/si affiancano consulenti economici (vedi i chicago boys), si agisce in fretta prendendo misure estremamente impopolari, approfittando dello stato di shock dei cittadini per i cambiamenti repentini.
 Sono misure prescritte anche dal Fondo Monetario Internazionale purtroppo (istituzione in cui gli stati hanno diritto di voto in base ad una quota versata....di conseguenza è spesso definito come l'ennesimo strumento di distruzione di massa degli USA. I prestiti del FMI sono definiti "il bacio della morte" visto che seguono le richieste di austerità, ed i soldi prestati hanno un tasso d'interesse alto, atto a sottomettere le scelte dei governi alla volontà del Fondo). La ricetta è sempre la stessa: la puoi vedere oggi applicata a noi PIIGS - il bello, ci derubano, ci mentono, ci terrorizzano, e ci chiamano pure maiali.

Le privatizzazioni: ovverno la gestione dei servizi pubblici passa in mano ai privati. Spesso(quasi sempre) il contribuente deve poi pagare la prestazione, ma chi si becca l'appalto riceve comunque sussidi governativi. Sono scenari che si sperimentano da anni. Si usa dire privato è più efficente. Eppure gli abusi sono onnipresenti: fondi pensione privati che si giocano una vita di contributi comprando derivati in borsa, assicurazioni che negano i soldi a vittime d'incidenti o malati terminali, riduzione della qualità della vita/alfabetizzazione negli stati che privatizzano l'istruzione. Riduzione delle aspettative di vita/negazione del diritto alla salute nei casi di privatizzazione del sistema sanitario (vedi gli USA). Scommesse tramite cartolarizzazione delle assicurazioni sulla morte dei lavoratori (death bonds, esistono), carceri gestite da mercenari e gang criminali/ condanne fasulle di innocenti (i casi sono molti di giudici corrotti) nel caso di carceri private.
Oltretutto: riduzione dell'organico, tagli sulla spesa, diffusione di carte (buoni, o carte a credito) per l'accesso ai servizi essenziali da parte delle fascie a basso reddito.
La privatizzazione dei servizi è tra i business più redditizi: gestisci un'azienda, la quale fornisce un servizio irrinunciabile. Puoi fare inoltre falsa concorrenza e far levitare i costi, ricevi sussidi....
In gergo economico chi privatizza un servizio è detto RENTIER.


Mi spiace del commento lungo, e poco ordinato (sono una persona termendamente caotica e disordinata =P). Se vuoi una "soluzione", eccola:

Uscita dall'euro, nazionalizzazione della banca d'Italia (ha quote di partecipazioni private che di fatto la rendono più consona a seguire il profitto degli azionisti), scissione tra banche commerciali e banche d'investimento. Ripristino dogane interne (confini UE) e forte tassazione sui prodotti importati (specie dalla Cina). Forti investimenti nel settore pubblico (specie al sud, dove ce ne sarebbe gran bisogno) e piani di spesa pubblica per creare occupazione e stimolare la domanda( magari tramite opere, come allacciamento alla fibra ottica, ristrutturazione di ospedali, scuole, strade e così via) e finanziamenti a tasso nullo o insignificante per piccole e medie imprese. Regolamentazioni ferree sul mercato: incluso l'obbligo di investire in produzione reale, rendere illegale la speculazione con strumenti truffaldini (i famosi derivati),...

Ma ci sarebbe tanto da fare, e tutto in direzione opposta a quella che stiamo prendendo. Oltretutto verremmo isolati da possibili accordi economici con altri stati. I pochi stati che hanno ancora il coraggio di seguire questo modello economico sono spesso vittime di embarghi, e/o definiti stati "canaglia".
E' una situazione difficile in cui non ci sono "buoni" o "cattivi", ma solo interessi. Il punto è quali sono gli interessi dei cittadini, e quali delle multinazionali e lobbies finanziare.

P.s. Io non ti conosco, non ho dato dello stupido a nessuno, ne posso/voglio dirlo di te. Ma c'è una disinformazione diffusa e capillare che bombarda la gente attraverso i maggiori canali di informazione, e questo secondo me è criminale da parte di chi la fa, visto che va contro gli interessi del suo stesso pubblico.


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Tutto questo è un post su G+  ::)

Ho tolto il quoting altrimenti era illeggibile...sarò colmo di errori grammaticali/sintattici, non fateci caso....
« Ultima modifica: 09 Dicembre 2012 ore 21:05 da Hombremaledicto »
Keep it rolling, baby...

Offline Masque

  • *
  • Post: 723
  • Reputazione: 60
    • Mostra profilo
Re:Topic OT
« Risposta #1075 il: 09 Dicembre 2012 ore 21:05 »
Dopo i miei cazziatoni sulla politica economica mi mancherà farmi dare del complottista da gente che vede gli UFO.

Ehi! Tutto quello che so sulla politica e l'economia, l'ho imparato da Essi Vivono, di Carpenter! ;D

Offline Hombremaledicto

  • *
  • Post: 520
  • Reputazione: 40
  • Ma chi ti si incula
    • Mostra profilo
    • Hombre on DA
Re:Topic OT
« Risposta #1076 il: 09 Dicembre 2012 ore 21:13 »
Ehi! Tutto quello che so sulla politica e l'economia, l'ho imparato da Essi Vivono, di Carpenter! ;D

LOL

Gran film quello....


Comunque, spero fosse intesa come metafora quella degli alieni :|


@TheImmortalPhoenix spero che la lettura del post risolva davvero la stitichezza XD
« Ultima modifica: 09 Dicembre 2012 ore 21:15 da Hombremaledicto »
Keep it rolling, baby...

Offline Masque

  • *
  • Post: 723
  • Reputazione: 60
    • Mostra profilo
Re:Topic OT
« Risposta #1077 il: 09 Dicembre 2012 ore 21:20 »
Gran bel post! Dovrò far spazio fra i neuroni, a fianco di Essi Vivono. ;)
Non penso, comunque, che la soluzione sia il ritorno al controllo statale di tutto. Se è meglio, è solo perché è più facile da individuare e quindi più semplice opporvisi (rispetto ad un sistema "sparpagliato"... tant'è che ancora adesso, molte persone di sinistra-e-oltre, ancora si ostinano ad individuare nello stato la fonte dei mali. è un male, sì, ma non ne è la fonte, attualmente. è solo uno degli strumenti. uno molto efficace, è vero, dato che è l'unico popolarmente legittimato a fare uso della violenza per mezzo delle forze di polizia ed eserciti.), ma si tornerebbe comunque al ricatto/dipendenza del welfare e del lavoro.
« Ultima modifica: 09 Dicembre 2012 ore 21:24 da Masque »

TheImmortalPhoenix

Re:Topic OT
« Risposta #1078 il: 09 Dicembre 2012 ore 21:24 »
Gran della risposta! Devo rileggermela con più attenzione, perchè di politica e di storia non ci capisco niente....vedo se trovo la conversazione su G+

Offline Masque

  • *
  • Post: 723
  • Reputazione: 60
    • Mostra profilo
Re:Topic OT
« Risposta #1079 il: 09 Dicembre 2012 ore 21:29 »
M'è venuta in mente (mi viene in mente spesso, a dire il vero) una similitudine che avevo fatto tempo fa fra tipologie di reti e di organizzazione politica: http://neuroneproteso.wordpress.com/2010/10/25/i-governi-non-sono-fault-tolerant/

Per espandere la similitudine, bisognerebbe considerare il sistema della finanza internazionale, come una sorta di rete distribuita privata. Cioè alla quale le persone non hanno accesso tranne che come clienti che vi dipendono senza potervi partecipare. Se lo stato è un grosso server, il sistema della finanza e del mercato è un cluster di macchine private distribuito.
Tutto questo è molto insidioso perché la fault tolerace derivata dalla struttura distribuita, va a rafforzare solamente il sistema stesso, ma le persone i piccoli "client" sparpagliati in giro, rimangono comunque dipendenti da esso e soggetti a qualsiasi baco sistemico. Ancora peggio, sia la dipendenza che la robustezza intrinseca, rendono molto remota la possibilità di poterlo abbattere, modificare o sostituire. Sia perché prima è necessario sostituire ogni funzione di esso da cui si dipende, sia per via della sua struttura "sparpagliata". È più facile abbattare un server, che un cluster (d'altronde, sono fatti apposta) :)
« Ultima modifica: 09 Dicembre 2012 ore 21:40 da Masque »

 

Template by Homey | Sito ufficiale | Disclaimer